Certificazione energetica Catania

L’efficienza energetica e certificazione energetica aumenta il valore delle case in sicilia a catania

L’operatore immobiliare che potrà certificare all’acquirente quali saranno i futuri effettivi consumi di energia termica, sarà facilmente in grado di valorizzare la qualità dell’immobile e recuperare il lieve maggior costo della qualità (circa 2/3%). Per ottenere alta efficienza energetica dal sistema edificio-impianto termico occorre:

  1. maggiorare gli spessori degli isolanti termici delle superfici disperdenti;

  2. installare impianti termici di elevato rendimento termico globale; a tal fine i risultati migliori si ottengono con gli impianti autonomi a combustione centralizzata.

    I vantaggi conseguibili aumentando lo spessore degli isolamenti termici sono evidenti: minori dispersioni di calore abbinate a un maggiore comfort termo igrometrico degli ambienti.

In Italia sono state varate una serie di normative che prevedono l’obbligo per ciascun edificio di essere classificati dal punto di vista del consumo energetico.

L’attestato di certificazione energetica è un attestato che stabilisce il consumo di energia di un edificio e/o di una unità immobiliare (U.I.).

Nell’attestato di certificazione energetica, oltre ai valori di energia che occorre per il riscaldamento invernale, vengono indicati i possibili interventi migliorativi delle prestazioni energetiche del sistema edificio-impianti o U.I.-impianti.

L’attestato ha una durata di 10 anni a partire dal suo rilascio ed è aggiornato ad ogni intervento che modifica la prestazione dell’edificio o dell’impianto.

Attestati aggiornati alle indicazioni dei nuovi decreti interministeriali attuativi della Legge 90/2013 approvati il 26 giugno 2015:

  • Linee guida APE 2015
    Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno 2009 – Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici
  • Decreto Requisiti minimi
    Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici

L’adeguamento normativo ha comportato l’implementazione di:

  • Nuovo A.P.E.
  • Nuovo calcolo con Edificio di Riferimento
  • Calcolo dell’Edificio a Energia Quasi Zero (NZEB)
  • Nuove tabelle per le nuove classi energetiche
  • Nuovo Modello per gli annunci commerciali

Nuove Linee Guida sull’Attestato di Prestazione Energetica APE 2015

Nuove-linee-guida-certificazione-energetica-edifici

Questo nuovo decreto andrà a sostituire le vecchie linee guida sulla certificazione energetica, il decreto 26 giugno 2009. L’obiettivo è quello di uniformare le modalità di classificazione energetica degli edifici a livello nazionale e il modello di attestato di prestazione energetica APE.

Ecco le principali novità:

  • la classe energetica verrà calcolata sulla base dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell’edificio di riferimento
  • le classi energetiche saliranno da sette a dieci, A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G e nel caso di edificio a energia quasi zero occorrerà spuntare una casella apposita
  • ci saranno ancora le raccomandazioni sugli interventi migliorativi
  • aggiornati i casi di esclusione dall’obbligo di dotazione dell’APE
  • sopralluogo obbligatorio (provincia di Catania, Sicilia)
  • istituzione di un archivio di costi medi per la redazione dell’attestato di prestazione energetica (ENEA)
  • verrà istituito un catasto energetico unico nazionale, il sistema informativo nazionale APE (SIAPE), in cui verranno raccolti tutti gli attestati di prestazione energetica, anche quelli delle regioni che hanno una propria legislazione in materia.

Il sistema sanzionatorio fa riferimento all’articolo 15 del Dlgs 192/2005:

  • sanzioni a carico del certificatore (multa da 700 a 4.200 euro per un APE non corretto)
  • sanzioni a carico del direttore dei lavori (multa da 1.000 a 6.000 per la mancata presentazione dell’APE al Comune)
  • sanzioni a carico del costruttore/proprietario (multa da 3.000 a 18.000 euro in caso di mancata redazione dell’APE per edifici nuovi, ristrutturati, in affitto o messi in vendita).

Ci saranno attività di monitoraggio e controllo per almeno il 2% degli attestati di prestazione energetica.

Contro le truffe sugli APE a basso costo, ci saranno controlli a campione, a cura delle regioni: i certificati falsi saranno invalidati e per il progettista scatteranno le sanzioni di cui sopra.

Puoi Contattarci compilando il modulo sottostante:  

836 Visite Totali 1 Visite Oggi

Share This: